Churchill Downs sospende le corse a causa della morte dei cavalli

churchill downs

Poiché dodici cavalli sono morti in pista dal 27 aprile ad oggi, Churchill Downs ha deciso di adottare misure drastiche. Il famoso autodromo ha deciso di sospendere le gare fino al 3 luglio per indagare ulteriormente sui recenti eventi e migliorare i regolamenti e le politiche in modo che le corse tornino sicure e protette.

L’indagine dettagliata:

Bill Carstanjen, CEO di Churchill Downs Incorporated, ha dichiarato: “Il team di Churchill Downs è molto orgoglioso del nostro impegno per la sicurezza e si impegna a stabilire gli standard più elevati nelle corse, andando costantemente oltre i regolamenti e le politiche richieste”.

Ha espresso il suo profondo dolore e ha affermato che questi eventi sono stati molto sconvolgenti e del tutto inaccettabili. Le indagini sono già iniziate, ma poiché nessuno è riuscito a collegare i decessi alle superfici o all’ambiente della pista, le indagini proseguiranno. Finora non è stata trovata alcuna connessione tra i casi e lo schema non è evidente. Per vagliare tutte le possibili soluzioni, però, occorre più tempo, ed è per questo che non ci saranno gare in pista fino al 3 luglio.

I funzionari si sono riuniti in un vertice di emergenza per vedere cosa potevano fare per evitare che nuove tragedie accadessero in pista. Hanno parlato anche con i cavalieri del Trackside Training Center di Louisville, e insieme hanno escogitato modifiche e nuove misure che verranno implementate proprio ora. Tutti i decessi saranno indagati separatamente, così come le condizioni generali della pista.

I funzionari di Churchill Downs hanno commentato: “I test diagnostici della pista da parte di esperti non hanno sollevato preoccupazioni e gli esperti hanno concluso che la superficie è coerente con le precedenti misurazioni di Churchill Downs negli anni passati”.

Preoccupazioni per l’economia dello stato:

Le operazioni di raduno primaverile, che avrebbero dovuto tenersi a Churchill Downs, inizieranno il 10 giugno, ma all’Ellis Park di Henderson, nel Kentucky. I funzionari di Churchill sono consapevoli di tutti i vantaggi economici che lo stato ottiene dall’industria del purosangue, quindi è un altro motivo importante per loro per continuare con le indagini.

Questo è stato uno dei motivi principali per cui l’incontro si terrà a Ellis Park poiché non influirà sull’economia dello stato.

Resta da vedere se Churchill Downs si riprenderà da queste tragiche morti. Tutto è iniziato nell’aprile di quest’anno. Dal 27 aprile al 6 maggio, sette cavalli sono morti in pista. Dopodiché, le tragedie continuarono ad accadere e altri cinque cavalli morirono. La scorsa settimana è stato necessario sopprimere un altro cavallo. Kimberley Dream, una famosa campionessa, ha corso alla sua 61esima gara quando si è fermata nel tratto superiore. Successivamente, i veterinari non sono stati in grado di aiutarla, quindi è stata soppressa. Il giorno prima, anche Lost in Limbo ha avuto un incidente. Il cavallo è caduto durante la corsa e non è riuscito a rialzarsi.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit