Crimine transnazionale e mondo sotterraneo del gioco d’azzardo nel sud-est asiatico

Crimine transnazionale e mondo sotterraneo del gioco d'azzardo nel sud-est asiatico

Secondo un rapporto completo dell’Istituto di Pace degli Stati Uniti (USIP), le severe leggi cinesi contro il gioco d’azzardo, sia offline che online, hanno inavvertitamente spinto i gruppi criminali organizzati nel sud-est asiatico. Questo movimento consente loro di sfruttare il fiorente mercato del gioco d’azzardo della regione mantenendo una distanza di sicurezza dalle forze dell’ordine cinesi.

Sfruttare le lacune normative:

Il rapporto USIP evidenzia come il proliferazione di operazioni di truffa nel sud-est asiatico può essere ricondotto a una rete di casinò e piattaforme di gioco online poco regolamentate. Queste istituzioni, incoraggiate da alcuni governi negli anni ’90 e 2000 come motori dello sviluppo economico, sono ora diventate terreno fertile per criminalità transnazionale.

Il rapporto sottolinea la minaccia globale rappresentata dall’ sindacati transnazionali operante dal sud-est asiatico, con un impatto sui consumatori di tutto il mondo, compresi quelli degli Stati Uniti. Si stima che questi sindacati rubino fondi per un ammontare di quasi 64 miliardi di dollari ogni anno, sottolineando la portata del problema.

I cittadini cinesi emergono come obiettivi primari dell’industria del gioco d’azzardo all’estero a causa del severo divieto della Cina di giocare d’azzardo all’interno dei suoi confini. Con un mercato di gioco annuale stimato di Da 40 a 80 miliardi di dollarii cittadini cinesi diventano bersagli redditizi per le reti criminali che operano nel sud-est asiatico.

Crescenti preoccupazioni per i cittadini cinesi:

Man mano che le reti criminali si rafforzano, il governo cinese si trova ad affrontare crescenti preoccupazioni a riguardo sicurezza dei suoi cittadini all’estero. Come riporta GGRAsia, i cittadini cinesi sono vittime di varie truffe, incluso il lavoro forzato attraverso il traffico fraudolento, richiedendo un maggiore controllo da parte delle autorità cinesi.

Nel sud-est asiatico, le attività illegali spesso si nascondono dietro una patina di legittimità, sfruttando casinò, resort, hotel e zone economiche speciali per eludere le forze dell’ordine. La dispersione di queste reti è fortemente correlata alle aree di governance debole nella regione, complicando ulteriormente gli sforzi per combattere la criminalità transnazionale.

Sebbene la Cina abbia ottenuto un certo successo nel frenare il gioco d’azzardo online e le attività fraudolente in collaborazione con altri paesi, rimangono delle sfide. Le reti criminali si adattano rapidamente misure esecutivedelocalizzando le operazioni di truffa oltre confine per eludere le misure repressive, come testimoniato dalla chiusura dei centri antifrode su Il confine del Myanmar con la Cina.

Nonostante gli sforzi volti a contrastare la criminalità transnazionale, la chiusura dei centri truffaldini in Myanmar ha semplicemente spostato le attività criminali nelle regioni vicine, come ad esempio il Myanmar. Stato di Karen e zone di confine di Tailandia, CambogiaE Laos. Questo modello evidenzia la natura complessa e dinamica della lotta alla criminalità organizzata nel sud-est asiatico.

La rigorosa posizione della Cina sul gioco d’azzardo ha inavvertitamente alimentato l’espansione della criminalità transnazionale nel sud-est asiatico, ponendo sfide significative alla sicurezza regionale e agli sforzi di applicazione della legge. Affrontare questo problema richiede una cooperazione internazionale rafforzata e strategie mirate per smantellare le reti criminali che operano a livello transfrontaliero.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0