Giocatori banditi e aumento delle tasse nel mercato georgiano

georgia

Il governo georgiano ha continuato a procedere con le riforme che hanno avuto un impatto sia sui casinò che sui giocatori. Da quando sono iniziate le riforme all’inizio di questo mese, a più di 1,4 milioni di giocatori della Georgia è stato vietato di giocare.

Il ministro delle finanze della nazione caucasica, Lasha Khutsishvili, ha condiviso questi numeri con il governo georgiano e li ha aggiornati sugli sviluppi del mercato.

Allineamento con i piani dell’UE:

Il primo ministro Irakli Garibashvili ha approvato lo scorso anno un nuovo decreto relativo alle regole del gioco d’azzardo. Con questo decreto, a tutti i minori di 25 anni è vietato giocare d’azzardo. Il divieto include altri gruppi di cittadini, come quelli socialmente vulnerabili, dipendenti pubblici e giocatori che sono stati inseriti nella lista nera dai tribunali e auto-limitati dalle attività sia terrestri che online.

Poiché la Georgia non è ancora diventata un candidato all’UE, queste restrizioni erano necessarie per soddisfare le condizioni dei 12 punti del Consiglio europeo. Il punto principale di queste condizioni è combattere la criminalità organizzata e migliorare i processi esistenti.

I giocatori non sono stati gli unici a essere colpiti da queste restrizioni. Agli operatori e ai fornitori è ora vietato pubblicizzare qualsiasi cosa relativa a prodotti e servizi di gioco d’azzardo sui media nazionali. Le società sono state colpite anche dall’aumento della base imponibile, che ora è del 65-70%.

Questa non è la fine delle riforme: il Parlamento continuerà a inasprire i regolamenti. Durante il periodo successivo, i casinò navali saranno vietati e gli operatori di gioco d’azzardo online avranno bisogno di autorizzazioni aggiuntive per operare ulteriormente nel paese.

Un problema per gli operatori:

Ogni gioco online dovrà possedere un permesso specifico, e uno solo costerà $36.974, o GEL 100.000. Entro il 1° aprile tutte le società sono tenute ad agire in conformità con la nuova normativa. Come dichiarato dal Ministero delle Finanze, solo 12 operatori attualmente possiedono le licenze necessarie.

Giorgi Mamulaishvili, capo della Georgian Gambling Association (GGA), ha affermato che le parti interessate del settore non erano a conoscenza degli emendamenti e dei loro dettagli, nonostante gli incontri con il ministero delle Finanze si fossero già tenuti.

GGA sta ancora pianificando di discutere sulla questione. Sperano di poter essere presenti alle udienze in commissione, ma sono consapevoli che le aziende dovranno ottimizzare le proprie spese a favore del Paese visto che le tasse sono aumentate.

I georgiani non sono contenti della decisione. Il problema aggiuntivo è che i siti illegali e stranieri hanno iniziato a traboccare il mercato del gioco d’azzardo georgiano.

Tutte le modifiche e gli aggiornamenti richiesti devono essere completamente incorporati entro il 2024. Il governo continuerà a lavorare verso il suo percorso verso l’UE e il mercato georgiano non avrà altra scelta che allinearsi ai cambiamenti.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0