Il governo svedese ha annunciato un aumento delle tasse sul gioco d’azzardo

Il governo svedese ha annunciato un aumento delle tasse sul gioco d'azzardo

Il governo svedese (Regeringen) ha annunciato che l’aliquota fiscale sul gioco d’azzardo nel paese potrebbe aumentare dal 18% al 22% dei ricavi lordi del gioco d’azzardo (GGR) a partire dal 1° luglio 2024. La proposta si basa sulla convinzione che il mercato del gioco d’azzardo avrebbe dovuto stabilizzarsi a partire dal 1° luglio 2024. Secondo la fonte, l’intervento normativo del 2019 prevede di generare 540 milioni di corone svedesi (48,4 milioni di dollari) in entrate fiscali aggiuntive per lo Stato su base annua.

Proposta governativa basata sulle affermazioni sulla stabilizzazione del mercato:

La proposta arriva quattro anni dopo il lancio del mercato iGaming da parte delle autorità svedesi operazioni di gioco d’azzardo legalizzate nella giurisdizione. La mossa ha consentito ai fornitori di servizi di gioco d’azzardo di offrire legalmente servizi di gioco d’azzardo con la rispettiva licenza. Regeringen ritiene apparentemente che il periodo di quattro anni sia stato sufficiente affinché gli operatori stabilizzassero le loro attività e hanno proceduto con la proposta di aumento delle tasse.

Il governo ha spiegato che la modifica dell’aliquota fiscale è considerata anche alla luce della proporzione delle operazioni di gioco d’azzardo regolamentate nel paese – denominate “ tasso di canalizzazione – e il suo impatto sul mercato del gioco d’azzardo svedese. Come riportato, Regeringen ha detto che a Aliquota fiscale del 22%. aiuterà a raggiungere il tasso di canalizzazione di almeno 90 per cento e generare 540 milioni di corone svedesi (48,4 milioni di dollari) in entrate fiscali aggiuntive.

Secondo quanto riferito, l’autorità ha dichiarato: “L’attuale aliquota fiscale del 18% è stata applicata da quando il mercato del gioco d’azzardo svedese è stato riregolamentato nel 2019. “Da allora il mercato del gioco d’azzardo si è stabilizzato e la canalizzazione è aumentata in modo significativo. Inoltre, sono state adottate misure per escludere il gioco d’azzardo senza licenza dal mercato svedese, entrate in vigore dal 1° luglio 2023”.

La dichiarazione continuava: “I motivi di cautela nella fissazione del livello fiscale non dovrebbero quindi essere così forti ora come durante la nuova regolamentazione. Un aumento dal 18% al 22% è giudicato adeguato per rafforzare il finanziamento delle attività statali, senza che ciò comporti un impatto troppo grande sulle imprese e sull’entità della base imponibile”.

Argomenti sulla vulnerabilità del mercato:

La fonte riferisce che il Associazione dell’industria del gioco online (BOS) si è opposto e ha criticato la proposta, chiedendo al governo di riconsiderare la misura annunciata. Il segretario generale della BOS Gustaf Hoffstedt avrebbe dichiarato: “L’annuncio del governo è profondamente deludente. Soprattutto, ciò dimostra che il governo non capisce o non ha preso a cuore che tipo di mercato è destinato a governare. Ancor meno il governo ha compreso la posizione vulnerabile in cui si trova il mercato”.

Hoffstedt ha continuato dicendo che l’aumento dell’aliquota fiscale influenzerebbe il tasso di canalizzazione. Secondo lui, BOS ha recentemente scoperto solo questo 77 per cento del mercato iGaming svedese è regolamentato, con alcuni verticali del gioco d’azzardo che raggiungono addirittura un tasso di canalizzazione del 72%. La fonte riporta che BOS e Hoffstedt hanno definito i risultati “criticamente bassi” con il tendenza al ribasso essendo stato visto nel tempo.

Il segretario generale della BOS avrebbe commentato:“Siamo già lontani dall’obiettivo statale di una canalizzazione pari ad almeno il 90%. Se questo aumento delle tasse sarà approvato dal Riksdag, presto torneremo alla canalizzazione che avevamo prima che la Svezia ri-regolamentasse il suo mercato del gioco d’azzardo nel 2019. Una riregolamentazione che ha avuto luogo perché all’epoca la Svezia aveva una canalizzazione così bassa”.

“Il governo svedese deve agire molto meglio di così. C’è ancora tempo per ritirare la proposta” Egli ha detto. Il tempo dirà anche se il governo accetterà i suggerimenti del settore. La decisione potrebbe essere resa nota non appena settembre sarà il mese in cui i governi pianificano il budget per il prossimo anno fiscale.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0