Il leggendario giocatore Doyle Brunson è morto all’età di 89 anni

brunson

Lunedì 15 maggio 2023, il mondo del poker ha perso una delle sue gemme più belle, Doyle Brunson, all’età di 89 anni.

Carriera impressionante:

La famiglia di questo leggendario giocatore ha rilasciato una dichiarazione: “È con il cuore pesante che annunciamo la scomparsa di nostro padre, Doyle Brunson. Era un amato cristiano, marito, padre e nonno. Avremo altro da dire nei prossimi giorni mentre onoriamo la sua eredità. Per favore, tieni Doyle e la nostra famiglia nelle tue preghiere. Che riposi in pace.”

Brunson era famoso in tutto il mondo. Il suo soprannome era “Texas Dolly” e sotto di esso ottenne numerose vittorie, iniziando con giochi di carte clandestini e sviluppando le sue abilità abbastanza da diventare uno dei giocatori di maggior successo al mondo.

Brunson è stato l’icona delle World Series of Poker (WSOP), dove ha ottenuto dieci braccialetti e vinto due volte il Main Event. Inoltre, è stata la prima persona in assoluto a vincere 1 milione di dollari in tornei.

Bruson non solo è stato un giocatore fantastico: è diventato anche uno scrittore. Nel suo libro The Godfather of Poker: The Doyle Brunson Story, ha descritto le fantastiche avventure e le sfide che abbiamo affrontato nel corso degli anni. Un altro libro che ha scritto, Super/System del 1978, è stato tra i primi con spiegazioni dettagliate delle strategie. Gli storici noteranno che il libro ha cambiato il modo in cui si giocava a poker.

Nel 1970, arrivò a soli sette giocatori invitati da Jack Binion a partecipare alle prime WSOP. Quell’anno non vinse perché dipendeva dai giocatori e Johnny Moss aveva più fan al momento. Tuttavia, il concetto è stato cambiato e nel 1976 Brunson ha vinto il torneo con un importo di US $ 220.000, che era il premio più grande al momento. L’anno successivo vinse di nuovo, ottenendo un premio di 340.000 dollari.

Questi anni furono significativi per Brunson. Ha persino avuto una mano vincente da nominare da lui nel folklore del poker. Poiché entrambe le volte ha vinto con una mano vincente di 10-2, questa mano è diventata “The Doyle Brunson Hand”.

Ha guadagnato il suo decimo braccialetto 18 anni fa, nel 2005. È uno dei soli quattro uomini che hanno raggiunto la doppia cifra di braccialetti in questo torneo, e l’unico che ne ha più di Brunson è Phil Hellmuth, con 16 di loro.

Tutto ciò ha portato all’inserimento di Brunson nella famosa Poker Hall of Fame nel 1988.

Dicendo addio:

Le WSOP hanno salutato uno dei suoi migliori giocatori, dicendo: “Riposa in pace per la più grande leggenda di tutti. Grazie per essere il giocatore consumato e gentiluomo. Nessuno occuperà mai il tuo posto”.

Anche i colleghi di Brunson, Phil Hellmuth, Scott Seiver e Daniel Negreanu, si sono salutati e hanno ricordato a se stessi e al mondo quanto fosse grande un’anima e un giocatore Texas Dolly.

Tutto il mondo mancherà a questo grande giocatore, ma mancherà di più alla sua famiglia, alla moglie Louise e ai due figli, Todd e Pamela.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0