Il progetto Ellinikon Mega Casino è stato sospeso

Il progetto Ellinikon Mega Casino è stato sospeso

Lo sviluppo di un mega progetto di casinò a Ellinikon, in Grecia, che dovrebbe fruttare circa 6 miliardi di euro in 30 anni, sta incontrando difficoltà. Come riportato dal Greek City Times (GCT), gli investitori Hard Rock e GEK TERNA sono stati invitati dalle Banche a concordare termini di finanziamento diversi da quelli inizialmente concordati, il che avrebbe un impatto sulla sostenibilità dell’intero progetto.

Investimento di 250 milioni di euro:

Come riportato, il Progetto del casinò Ellinikon progetto si riferisce allo sviluppo di a Hotel a 5 stelle con 3.500 unità abitative su un’area di 120.000 mq. Secondo quanto riferito, lo sviluppo dovrebbe includere un centro conferenze e showroom, un’arena da 10.000 posti e 15.000 metri quadrati di spazio di gioco. Secondo l’accordo iniziale, gli investitori hanno concordato con le banche di investire 250 milioni di euro nello sviluppo della proprietà.

Banche che chiedono ulteriori 120 milioni di euro:

Tuttavia, la fonte riferisce che le banche coinvolte nell’operazione hanno richiesto Hard rock E GEK TERNA per pompare l’addizionale 120 milioni di euro nello sviluppo. Secondo quanto riferito, gli investitori hanno dichiarato ritiro dal progetto ma il governo non li vuole fuori. Come riportato, il Stato greco si aspetta di generare 6 miliardi di euro di fatturato in 30 annicon beneficio fiscale stimato superiore 200 milioni di euro all’anno per lo stesso periodo.

6 miliardi di euro previsti dal governo:

Secondo la fonte, il governo prevede di riscuotere 3 miliardi di euro dal gettito fiscale del gioco1,1 miliardi di euro dai contributi sociali, nonché 800 milioni di euro dall’imposta sul reddito. Secondo quanto riferito, i massimi funzionari governativi sono molto interessati a portare avanti il ​​​​progetto che potrebbe generare ulteriormente 500 milioni di euro da IVA e 600 milioni di euro dai canoni comunali, nonché dalle rispettive concessioni trentennali.

Progetto Complesso:

Banca nazionale E Banca Alfa si dice che stiano chiedendo un impegno finanziario aggiuntivo da parte degli investitori, con Banca del Pireo assumendo il ruolo di mediatore per portare avanti il ​​progetto, secondo GCT. Secondo quanto riferito, i dirigenti della banca hanno dichiarato: “Si tratta di un progetto complesso, come non è stato fatto in Grecia e che richiede capitali significativi”. GCT riferisce inoltre che i dirigenti hanno ammesso di aver chiesto agli investitori ulteriori finanziamenti.

Mediatori:

Secondo quanto riferito, la soluzione alternativa per spingere il progetto include il Fondo di recupero in grado di coprire a 350-450 milioni di porzione dell’investimento. Lo ha riferito il capo dell’azienda, la signora G. Peristeris “il gruppo cercherà anche di garantire fondi di prestito per progetti selezionati e i suoi investimenti”. Tuttavia, secondo la fonte, non ha fatto direttamente riferimento al progetto Ellinikon Casino.

Anche, Michael Carloutsosil figlio di Alex Karloutsou – il sacerdote greco ortodosso presumibilmente vicino a l’attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden – ha riferito di aver agito come un intermediario tra Hard Rock e le autorità greche. Ma, secondo GCT, il suo coinvolgimento è stato definito un “telefono rotto” tra investitori e banche. Tuttavia, la fonte riferisce che lo era Karloutsos commissionato da Hard Rock per gestire il progetto “Casino in Ellinikon” durante il mandato dell’ex governo e che i suoi stretti rapporti con il partito politico opposto stanno ora riducendo il suo ruolo.

Problemi in sospeso del progetto:

Gli ultimi sviluppi seguono i problemi che il progetto stava affrontando dall’inizio. Secondo la fonte, i problemi si sono verificati già nel procedura di gara che è stato ritardato e finalmente completato il 13 ottobre 2020. Come riportato, Hard Rock è stato escluso dal processo e ha dovuto restituire legalmente il risultato della gara. L’amministratore delegato dell’Hard Rock, Jim Allen, secondo quanto riferito, all’epoca affermava che il processo era iniquo sin dall’inizio.

Ma, come riportato, la società alla fine ha formato una joint venture con GEK TERNA sul 51:49 base puntata impegnarsi nello sviluppo della proprietà del casinò a Ellinikon. Tuttavia, il progetto è ora messa in attesa dalle banche che chiedono contributi, dagli investitori che cercano la via d’uscita e dai mediatori che cercano di portare avanti il ​​progetto. Una cosa è certa: tutti stanno cercando la soluzione.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0