Il regolatore australiano multa le scommesse sportive australiane Betr

Il regolatore australiano multa le scommesse sportive australiane Betr

Il bookmaker australiano Betr, che è supportato da News Corp, è stato multato di AU $ 210.000, che è di circa $ 142.000, dal regolatore di Liquor & Gaming New South Wales per aver violato le normative sulla pubblicità lo scorso anno.

L’investigazione:

Vale a dire, Betr è stata multata per aver fornito quote fino a 100-1 su qualsiasi scommessa fino a AU $ 10 sulle corse di cavalli nella Melbourne Cup 2022 su giornali, stazioni radio e televisive associate quando è iniziata ufficialmente lo scorso anno. Inoltre, questo ha permesso a Betr di raccogliere migliaia di nuovi clienti e pubblicizzare l’azienda.

Tuttavia, l’indagine del regolatore ha deciso ufficialmente che con questo atto Betr ha violato i regolamenti motivando le persone ad aprire un conto scommesse e giocare più spesso.

Inoltre, incentivi simili sono stati offerti per i mercati Cox Plate e AFL e NRL nel tentativo di attirare i clienti lontano dalle società di gioco d’azzardo affermate.

Commentando la multa, un portavoce di Betr ha dichiarato: “Siamo molto consapevoli dei nostri obblighi normativi e vorremmo lavorare in modo costruttivo con il governo del NSW per rimuovere l’incoerenza tra l’attuale visione del regolatore e le linee guida fornite all’industria”.

La multa più grande di sempre:

Poiché Betr ha ricevuto 14 avvisi di infrazione separati, insieme rappresentano la più grande multa inflitta a una società di gioco d’azzardo per incentivi nel New South Wales. Inoltre, i 14 avvisi seguono una multa significativamente inferiore da parte dell’autorità di regolamentazione del Territorio del Nord per violazioni pubblicitarie a febbraio.

Commentando la multa, il direttore esecutivo dell’autorità di regolamentazione, Jane Lin, ha dichiarato: “La multa di $ 210.000 era appropriata date le significative violazioni della legge da parte di Betr”.

Lin ha aggiunto: “Questa azienda ha cercato di attrarre una nuova base di clienti e stabilire una quota di mercato significativa con promozioni che riteniamo abbiano superato il limite, utilizzando incentivi che avevano il potenziale per causare danni alla comunità.

“In molti casi, tali promozioni possono essere offerte legalmente solo ai titolari di conti scommesse che, a differenza del pubblico in generale, hanno preso la decisione consapevole di aprire un conto e ricevere queste informazioni”.

Inoltre, è risaputo che i sostenitori dell’anti-gioco d’azzardo si sono precedentemente lamentati del fatto che le sanzioni pecuniarie sono troppo piccole per avere l’effetto desiderato.

Incredulità che sia stata fatta una violazione:

La campagna di incentivi si è conclusa quando l’autorità di regolamentazione si è rivolta a Betr con preoccupazioni lo scorso anno. Il regolatore ha offerto alla società di pagare la multa senza contestarla, il che, se la società è d’accordo, può evitare un processo giudiziario potenzialmente lungo.

A tal proposito, il portavoce di Betr ha affermato: “La società non riteneva di aver violato le normative e ha chiesto al regolatore statale di chiarire le indicazioni fornite al settore.

“Abbiamo offerto e pubblicizzato il mercato della Melbourne Cup da $ 100-1 in conformità con la legge e del tutto coerente con la guida pubblicata da Liquor and Gaming NSW che indicava chiaramente che questa condotta era legale.

“Anche se abbiamo collaborato pienamente con Liquor and Gaming, non accettiamo e non abbiamo ammesso di aver violato la legge del NSW. La nostra decisione di non impugnare gli avvisi di sanzione è stata presa per risolvere amichevolmente la questione”.

Accuse precedenti:

Inoltre, all’inizio di quest’anno, il CEO di Tabcorp, Adam Rytenskild, ha accusato Betr di “aver lanciato offerte promozionali altamente distorsive per migliorare la sua quota di mercato poco dopo il lancio”.

Ciò ha messo Tabcorp in diretta concorrenza con Betr poiché mira ad estendere i suoi prodotti di gioco d’azzardo online.

Tuttavia, News Corp, che ha investito 49 milioni di dollari nella startup insieme all’ex CEO di BetEasy Matthew Tripp e alla statunitense Tekkorp, si è ritirata dalla società di gioco d’azzardo negli ultimi mesi. Inoltre, due amministratori delegati, Peter Blunden e Mark Reinke, hanno recentemente lasciato il consiglio di amministrazione di Betr.

I suoi conti internazionali hanno rivelato perdite di affiliazione per quasi 33 milioni di dollari negli ultimi sei mesi del 2022, con alcune di queste perdite legate a Betr. Si prevede la riduzione di un terzo della partecipazione della società in Betr.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0