Il Segretariato degli Interni messicano vieta le macchine da scommessa

mexico

Il Segretariato degli Interni messicano (Segob) sta lavorando per vietare le scommesse o le estrazioni in qualsiasi tipo di macchina, comprese slot, bingo e simulatori di carte.

Condizioni della fattura:

Il 7 settembre Segob ha pubblicato un progetto di decreto che è stato presentato alla Commissione nazionale per il miglioramento della regolamentazione (Conamer). Questo decreto proibirà tutti i giochi soggetti a probabilità.

Tuttavia, a tutti i 444 casinò che attualmente operano in Messico sarà consentito mantenere le nuove macchine fino alla scadenza delle loro licenze, e quelle nuove non verranno rilasciate. Tuttavia, ci sono 408 licenze aggiuntive rilasciate ai casinò che al momento non operano. Non saranno in grado di far funzionare le macchine.

Secondo il governo, la legge federale sui giochi e sui sorteggi vieta il gioco d’azzardo. Tuttavia, la legge che non ammette le slot machine non è cambiata dal 1947, quando le macchine furono legalizzate dall’ex presidente Felipe Calderón e approvate dalla Corte Suprema di Giustizia.

Nel disegno di legge si legge: “Lo Stato messicano ha la responsabilità di salvaguardare i diritti delle persone in condizioni vulnerabili, evitando gli effetti potenzialmente dannosi del gioco d’azzardo che possono avere un impatto su bambini, adolescenti, giovani e anziani del Paese, così come il danno che può essere causato a persone con disabilità mentali o psicosociali o a coloro che soffrono di qualsiasi malattia o dipendenza, come il gioco d’azzardo compulsivo o un disturbo da gioco d’azzardo”.

Segob vuole anche eliminare tutti gli operatori dalla scena del gioco d’azzardo poiché possono acquisire le macchine tramite varie terze parti consentendo loro di diventare “sub-autorizzati”.

Disaccordi e impatto sul Paese:

L’Associazione dei titolari di permessi, operatori e fornitori dell’industria dell’intrattenimento e del gioco (AIEJA) non è d’accordo con la decisione. La loro principale preoccupazione è la diminuzione delle entrate, che può arrivare fino al 90%, e l’imposta speciale sulla produzione e sui servizi (IEPS) ne risentirà notevolmente. Inoltre, le sale da gioco potrebbero finire per essere chiuse, il che causerebbe il licenziamento di molte persone. Solo nel settore del gioco d’azzardo ci sono circa 50.000 posti di lavoro diretti e fino a 120.000 indiretti, come riporta Yogonet.

Alfonso Pérez Lizaur, presidente dell’Associazione dei titolari di permessi e fornitori di giochi e concorsi a premi, ha paragonato la nuova situazione del mercato al “guardare la televisione in bianco e nero”. E aggiunge: “La partecipazione dei giocatori alle sale da gioco diminuirebbe drasticamente poiché l’offerta di intrattenimento ne risentirebbe gravemente. Migliaia di fonti di posti di lavoro diretti e indiretti andrebbero persi, così come grandi quantità di contributi al Tesoro e agli enti federali”.

Ma secondo il Ministero delle Finanze e del Credito Pubblico (SHCP), l’imposta speciale sulla produzione e sui servizi (IEPS) su giochi e concorsi a premi rappresentava solo l’1% di tutto il reddito generato dal paese con questa imposta. Le tasse locali però ne risentiranno notevolmente, dato che al momento tutti i licenziatari e i casinò sono obbligati a pagare le tasse di installazione e di esercizio.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0