In Kentucky si apre un caso di scommessa illegale contro Bovada

bovada

Qualcosa sta bollendo in Kentucky e vale milioni di dollari. Dopo che l’industria del gioco ha deciso di fare una mossa contro l’industria delle scommesse illegali, Billi Jo Woods ha deciso di farsi avanti come querelante e prendere in mano la situazione.

Le ragioni della querela:

Sta trovando il suo epilogo in tribunale la speculazione sul caso delle scommesse illegali relative a Bovada, uno dei casinò online offshore e bookmaker più famosi al mondo. La causa contro Morris Mohawk Gaming Group, Alywin Morris, Calvin Ayre e Harp Media BV è stata intentata l’8 agosto. Presumibilmente, Bovada è accusato di offrire prodotti di gioco d’azzardo illegali negli Stati Uniti.

Nella causa intentata nel distretto orientale del Kentucky, la somma di denaro per danni può potenzialmente, se dimostrata colpevole, essere superiore a $ 5 milioni di danni.

Lo statuto di recupero delle perdite da gioco d’azzardo del Kentucky, stabilito nel 1800, consente alla persona che ha perso i propri soldi di riaverli in tribunale. Al giorno d’oggi, in alcuni casi consente alle persone di ottenere denaro in danni, ed è ciò che l’attore vuole ottenere.

Potrebbe esserci un elemento personale nel caso Bovada: secondo alcune fonti, lo stesso Woods ha speso molti soldi sui siti web di Bovada, quindi li rivuole indietro.

La società canadese Morris Mohawk Gaming Group è accusata di ricavare ingenti introiti dai siti collegati a Bovada. Il proprietario e operatore principale di Bodog, Ayre, è accusato di aver elencato siti Bovada presumibilmente illegali all’interno del suo rinomato Bodog Network. C’è anche Harp Media BV, una società con sede a Curaçao, proprietaria parziale dei siti web di Bovada.

Dietro le quinte:

I siti Bovada consentivano ai clienti di depositare i propri soldi per un ulteriore sfruttamento – e l’attore accusa la società che l’esito di quei soldi dipende esclusivamente dalle possibilità e dalla fortuna del giocatore, il che non è conforme alle leggi dello stato poiché ha pubblicizzato come un “business online legittimo”. La legge del Kentucky consente ai perdenti di trattenere i propri fondi entro cinque anni dal collocamento o in caso di morte del vincitore. Se ciò non avviene, il soccombente ha diritto al risarcimento dei danni.

Una causa simile si è verificata di recente quando Woods ha ottenuto più di un miliardo di dollari da PokerStars, basandosi sulla stessa legge attraverso l’accordo.

Ma il caso Bovada è appena iniziato – e sembra che durerà per anni, soprattutto se si considera che probabilmente ci sarebbero altri imputati e querelanti in tutto il mondo con accuse simili. Quello che è certo è che il caso sarà di difficile soluzione, soprattutto se si pensa all’esistenza di una convenzione internazionale che consente di notificare all’imputato entro 90 giorni dalla presentazione del reclamo.

Se il reclamo viene ignorato, l’imputato ha un intervallo di 90 giorni per rispondere. Dopo che sono stati notificati, ci saranno 20 giorni per rispondere al reclamo. Tutto ciò rende il caso molto più complicato del solito con sede negli Stati Uniti.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0