La Pennsylvania Gaming Control Board approva il nuovo casinò

pennsylvania

Il casinò nel Nittany Mall sarà costruito nonostante l’aggressiva campagna contro di esso.

La forte opposizione:

Il Pennsylvania Gaming Control Board (PGCB) ha approvato il casinò a gennaio, ma il movimento anti-casinò è ancora forte nell’area. Andrew Shaffer, leader del movimento, ha raccolto migliaia di firme contro il progetto nell’area dello State College.

La convinzione principale di coloro che sono contrari al casinò è che influenzerà negativamente gli studenti della Penn State e prosciugherà l’economia dello stato.

I residenti si sono sentiti come se non fossero inclusi nel processo quando si è svolta la votazione per questo “mini-casinò”.

Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi, il casinò sarà aperto. I residenti pensano che la ragione principale risieda nella crescente pressione dell’industria del gioco d’azzardo, ma le leggi supportano l’apertura del casinò. La legge statale del 2017 garantiva che il College Township accettasse la costruzione del casinò prima ancora che fosse concessa la licenza. Ma nel frattempo, sono state concesse dieci licenze di mini-casinò ai casinò in Pennsylvania, che hanno aperto le porte alla costruzione di casinò in tutto lo stato.

All’epoca, ogni comune dello stato aveva il diritto di decidere se voleva ospitare un casinò sul proprio territorio, ma una volta deciso che lo voleva, non c’era alcuna possibilità di ritirarsi. College Township ha deciso di volere un casinò molto tempo fa – e ora gli avversari non possono farci niente.

Nel settembre 2020, un ex membro del Board of Trustees in Pennsylvania, Ira Lubert, ha vinto un’asta che gli ha concesso una licenza di casinò e ha deciso di costruire un casinò nel comune. La prima udienza pubblica su questo grande progetto per la regione si è tenuta nell’agosto 2021. Tuttavia, Shaffer ritiene che la data sia stata scelta con cura per impedire alle persone di partecipare all’udienza poiché molte di loro erano fuori città al momento. Il periodo di input pubblico è durato più di 30 giorni, come di solito accade, il che ha portato a non consentire commenti sull’ultima udienza di gennaio.

Due azioni legali contro la società:

SC Gaming sarà incaricato di costruire il mini-casinò, e le uniche cose che possono potenzialmente danneggiare la costruzione del casinò sono due cause intentate da Cordish Companies contro il PGCB. La Cordish Companies è proprietaria dello Stadium Casino, che tre anni fa ha perso la gara per una delle licenze.

Cordish ha intentato una causa perché SC Gaming sta collaborando con Bally’s Corporation e quella partnership è avvenuta dopo che l’asta è stata vinta, quindi Cordish pensa che la società abbia ricevuto una spinta finanziaria da Bally’s per ottenere il diritto per una licenza, che può squalificare completamente la società dalla gara per la licenza.

Un’altra causa è intentata alla Corte Suprema della Pennsylvania, ed è un appello alla licenza. La Corte non ha ancora preso una decisione su questo caso.

Se la Corte voterà a favore di Cordish, la società dovrà trovare un’altra sede per il suo casinò e la licenza verrà revocata.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

100
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis