La stella non è adatta alla licenza del casinò di Sydney

La stella non è adatta alla licenza del casinò di Sydney

L’indagine in corso nel Nuovo Galles del Sud sulle operazioni e sulla cultura di The Star Entertainment Group ha concluso che la società rimane inadatta a gestire il proprio casinò di Sydney in modo indipendente. L’avvocato che assiste l’inchiesta, Caspar Conde, ha evidenziato la mancanza di progressi compiuti da The Star da quando è stato inizialmente ritenuto non idoneo a detenere la licenza di casinò nell’ottobre 2022. Sebbene l’indagine si sia fermata prima di raccomandare una chiusura completa, ha sottolineato la necessità di continuare l’intervento esterno. supervisione.

Gaspare Conte, che ha condotto l’inchiesta per conto di Adam Bell, SC, ha osservato che, nonostante fossero trascorsi sei mesi dall’inizio degli sforzi di bonifica, The Star non aveva dimostrato progressi sufficienti, secondo il Sydney Morning Herald. “Ci sono prove che The Star Entertainment Group abbia iniziato il suo percorso di bonifica da sei mesi, ma non sono passati 20 mesi… I restanti 14 mesi sono andati perduti”, ha affermato Conde, sottolineando la lentezza dei miglioramenti dell’azienda.

Dopo tre settimane di udienze, Bell sta ora valutando le osservazioni e pubblicherà il suo secondo rapporto sulla società al Commissione indipendente sui casinò del NSW entro la fine di luglio. I risultati di questo rapporto potrebbero potenzialmente portare alla chiusura permanente del casinò.

Durante le udienze, nessun testimone, compresi gli attuali membri del consiglio, ex dirigenti o il presidente, ha affermato che The Star era pronto a operare senza supervisione esterna. Dalla sospensione della licenza nel 2022, il casinò è sotto la gestione di supervisore indipendente Nick Weeks. Conde ha sostenuto che questa supervisione dovrebbe continuare, citando recenti incidenti come l’incapacità di impedire il furto di 3,2 milioni di dollari da un bancomat malfunzionante come prova dei problemi di controllo interno in corso.

“Il tipo di criminali che riescono a mettere insieme un racket del genere in un breve lasso di tempo, effettuare 1800 transazioni ed estorcere 3,16 milioni di dollari, non sono proprio il tipo di persone che dovrebbero trovarsi vicino al casinò”, ha osservato Conde, evidenziando il gravi carenze in termini di sicurezza e prevenzione delle frodi presso The Star.

Tensioni tra dirigenti

Il mandato di Nick Weeks come manager indipendente è già stato prorogato tre volte a causa dei persistenti dubbi sulla capacità di riforma della società. Le tensioni tra Weeks e gli ex dirigenti, tra cui l’ex presidente David Foster e l’ex amministratore delegato Robbie Cooke, sono state evidenti. L’inchiesta ha rivelato testi che suggerivano piani per un’azione collettiva contro Weeks e tentativi di rimuoverlo dalla sua posizione.

Condé lo ha suggerito la rimozione di Foster e Cooke potrebbe migliorare le prospettive dell’azienda di riacquistare la licenza in futuro. Tuttavia, ha messo in guardia dal fissare una tempistica specifica affinché The Star diventi idoneo, affermando che la condotta effettiva e gli sviluppi concreti sarebbero più indicativi di preparazione rispetto a semplici opportunità e promesse. Se questa prospettiva venisse confermata nel rapporto finale di Bell, ciò potrebbe prolungare l’incertezza per i 3.000 dipendenti e investitori del gruppo.

“Gli attuali posti vacanti nel gruppo dirigente del gruppo presentano opportunità, ma la domanda è se l’opportunità verrà colta. Nella verifica dell’idoneità, riteniamo che la condotta effettiva e gli sviluppi concreti tenderanno ad essere più importanti delle opportunità e delle parole”, ha affermato Condé, sottolineando l’importanza delle azioni concrete rispetto alle promesse.

La Stella è attualmente “senza leader e impoverito”, avendo perso quasi una dozzina di dirigenti senior nell’ultimo anno. L’azienda ha urgentemente bisogno di ricoprire posizioni chiave, tra cui un nuovo CEO permanente, un CFO, un responsabile legale, un responsabile della trasformazione e un responsabile della clientela. Inoltre, deve nominare un nuovo capo per il casinò della Gold Coast in seguito alla recente partenza di Jessica Mellor, nonché un nuovo ufficiale di collegamento con i clienti a Sydney.

Il controllo in corso e le nomine richieste sottolineano le sfide significative che devono affrontare La stella mentre cerca di ripristinare la sua posizione. L’esito della decisione finale di Bell sarà cruciale per decidere la futura struttura operativa del casinò e la sua continua vitalità come importante entità di intrattenimento a Sydney.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0