La tribù Mohegan non gestirà il Resort Casino Hotel dopo il 2024

La tribù Mohegan non gestirà il Resort Casino Hotel dopo il 2024

La tribù Mohegan si dimetterà ufficialmente dal suo ruolo di gestione presso il casinò Resorts di Atlantic City alla fine del 2024, hanno rivelato entrambe le parti il ​​26 febbraio.

Fine dell’accordo:

Questo passaggio porrà fine al contratto che il Consulenti di gioco Moheganil ramo del gioco d’azzardo della suddetta tribù, ha ufficialmente stipulato un contratto Resort nel 2012, e avvenuta 6 mesi dopo la morte del comproprietario del casinò, Dennis Gomes, il dirigente veterano del gioco d’azzardo. Inoltre, la morte di Gomez ha fatto sì che Resorts rimanesse senza l’esperienza e le conoscenze necessarie per partecipare al sempre più affollato mercato dei casinò nel nord-est degli Stati Uniti.

Coinvolge il successo del funzionamento dei casinò della tribù in vari mercati Pennsylvania E Connecticut ha attirato Resorts, il che lo ha portato a diventare il primo casinò in America ad aprire ufficialmente al di fuori del Silver State nel 1978. Al momento, il casinò può prosperare in modo indipendente.

A questo proposito, il proprietario dei Resort, Morris Bailey, ha commentato: “Mohegan è stato un partner prezioso e siamo grati per il loro contributo al nostro successo. Abbiamo stipulato un accordo di gestione con Mohegan in un momento in cui i resort si trovavano ad affrontare numerose sfide operative, economiche e di mercato. Mohegan ha portato stabilità e direzione ai Resorts contribuendo a mettere insieme un team di gestione stellare che rimarrà al suo posto. Siamo felici che, con l’aiuto di Mohegan, Resorts abbia raggiunto un punto in cui è in grado di operare in modo indipendente”.

Come gran parte di un accordo del 2012, la tribù ha acquistato una quota di proprietà del 10% nei resort di Atlantic City e ha deciso di mantenerla. Inoltre, il suddetto casinò è diventato ufficialmente il primo casinò di Atlantic City di proprietà di una tribù indiana.

A questo proposito, l’amministratore delegato e presidente di Mohegan, Ray Pineault, ha commentato secondo l’Associated Press: “Siamo estremamente orgogliosi del nostro rapporto con Resorts Casino Hotel e di ciò che abbiamo contribuito a realizzare. Vogliamo esprimere la nostra più profonda gratitudine ai membri del nostro team Resorts, agli ospiti e alla comunità di Atlantic City per il loro supporto e dedizione durante tutto il nostro mandato come manager”.

Inoltre, il presidente dei Resorts, Mark Giannantonio, si è congratulato con la tribù “per l’eccezionale partnership degli ultimi dieci anni”.

Situazione economica dei Resort:

Il suddetto casinò ha raccolto $ 130,8 milioni nei proventi del gioco d’azzardo durante 2012, sulla base delle autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo nello stato. Tale importo è cresciuto fino a $ 163 milioni In 2023.

Per tutto il periodo in cui la tribù ha gestito i Resorts, il casinò ha stipulato un accordo con il bookmaker Draftkings e ha lanciato una divisione online chiamata Resort digitali, che ha raccolto più di 822 milioni di dollari nel 2023, il che rappresenta una crescita di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. Inoltre, per quanto riguarda il marketing incrociato tra i casinò e i resort Mohegan, sarà terminato alla fine ufficiale del 2024. Tuttavia, Resorts intende lanciare nuovi programmi riguardanti il ​​marketing.

Relativamente, Mohegan Gaming Advisors è un’affiliata di Autorità tribale del gioco d’azzardo Mohegan.

Oltre ai già citati Pennsylvania e Connecticut, Mohegan gestisce casinò in Nevada e Washington, tra cui Incheon (Corea del Sud), Niagara Falls (Canada) ed è proprietario della squadra Connecticut Sun WNBA.

Il Mohegan INSPIRE Entertainment Resort in Corea del Sud riceve la valutazione di un hotel a cinque stelle e apre un casinò per soli stranieri:

Passando ad altre notizie, il tanto atteso Mohegan INSPIRE Entertainment Resort è stato premiato con cinque stelle dalla Korea Tourism Association e ora può aprire il casinò nel resort. Inoltre, per ottenere la classificazione, il resort ha dovuto sottoporsi ad un esame serio e soddisfare i requisiti dell’Associazione coreana del turismo. Secondo Mohegan, la classificazione è stata rilasciata dopo una “valutazione rigorosa” conforme al sistema di classificazione alberghiera coreano. Tra le condizioni per ottenere la valutazione c’erano la qualità della struttura, l’igiene e gli standard del servizio, che dovevano essere ai massimi livelli.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0