L’industria del gioco delle Bermuda deve affrontare sfide significative

bermuda

L’industria dei casinò alle Bermuda ha seri problemi da quando il governo ha intrapreso alcune azioni sbagliate. Uno dei principali segnali che qualcosa non andava alle Bermuda è stato il rifiuto del St Regis Hotel di commentare i suoi piani per un hub di gioco che era stato pianificato. L’hotel prevedeva di aprire un pub all’Hamilton Princess & Beach Club, ma il tentativo fallì.

La mancanza di indipendenza:

David Burt, ministro delle finanze e premier delle Bermuda, è presumibilmente il motivo principale per cui gli investitori stranieri e le banche statunitensi non vogliono avere nulla a che fare con l’industria dei casinò delle Bermuda. Nel 2017 è stata istituita una nuova legislazione sui giochi e la Bermuda Gaming Commission e l’industria dei casinò hanno perso la loro indipendenza. Il governatore ha recentemente tentato di modificare la legge, ma il tentativo non ha avuto successo.

Dal 2017, il ministro è responsabile di tutte le decisioni relative all’industria del gioco. Consiglia la commissione di gioco e la Commissione è obbligata a conformarsi.

Se il St Regis Hotel decidesse di interrompere i piani per la creazione di un hub di gioco, sarebbe una grande perdita per le Bermuda poiché il governo ha riposto tutte le speranze per la futura crescita economica nella creazione di una forte cultura del casinò nello stato. Il casinò dell’Hamilton Princess & Beach Club avrebbe dovuto dare lavoro a circa 100 persone, e non solo, ma il governo ha ufficialmente riconosciuto l’industria dei casinò come uno dei quattro fattori chiave che porteranno alla completa ripresa economica dell’isola.

Altre opzioni del casinò:

L’industria era una delle responsabilità chiave del Premier e voleva cambiare la legislazione, consentendo più opzioni di casinò ai giocatori e agli operatori delle Bermuda. La Bermuda Gaming Commission avrebbe dovuto decidere quali opzioni fossero le migliori per l’isola. Tuttavia, la mancanza di indipendenza della Commissione ha portato a mettere in discussione l’intero settore ea perdere una quantità significativa di fondi.

Alla fine di gennaio si è tenuto l’incontro e hanno partecipato i proprietari dell’hotel, gli operatori del casinò, il premier e il ministro del turismo, Vance Campbell.

Dopo l’incontro, il Premier ha commentato: “Continuo a essere impressionato dall’impegno di St Regis nell’introdurre un casinò presso l’hotel, e la nostra discussione ha esaminato i modi legislativi e pratici per raggiungere questo obiettivo condiviso. Le oziose e irresponsabili speculazioni dei media sul gioco non sono riuscite a cambiare la prospettiva positiva del proprietario per un casinò nella proprietà. È ridicolo suggerire che il governo non abbia investito tempo e sforzi per ottenere giochi per le Bermuda.

Lo scorso ottobre, l’hotel ha ottenuto la sua prima licenza di casinò, ma la data di possibile apertura è ancora sconosciuta. L’inaugurazione si terrà? Non lo sappiamo, soprattutto se si considera che anche Century Casinos ha rinunciato ai piani per aprire il suo casinò all’Hamilton Princess & Beach Club.

Resta da vedere cosa riserva il futuro per l’industria dei casinò delle Bermuda.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0