Lo studio BGC mostra che l’80% degli scommettitori britannici è contrario ai limiti di scommessa

Lo studio BGC mostra che l'80% degli scommettitori britannici è contrario ai limiti di scommessa

Secondo l’ultimo sondaggio condotto per il Betting and Gaming Council (BGC), il 79% degli scommettitori britannici pensa che le restrizioni sulle scommesse indurrebbero i clienti a rivolgersi ai siti di gioco d’azzardo del mercato nero. Lo studio mostra che la limitazione degli importi da scommettere con gli operatori autorizzati “porterebbe le persone a spostarsi su siti Web non regolamentati” che offrono scommesse illimitate.

Documenti finanziari privati:

Il sondaggio ha anche mostrato che il 70 percento di scommettitori britannici preferirebbero piazzare le loro scommesse con bookmaker che non richiedono loro di fornire “documenti finanziari privati” per poter scommettere. IL BGC aveva lo studio condotto prima di un enorme Gara di Cheltenham per accedere all’impatto del mercato nero sull’economia locale e fornire la rispettiva visione per il Governo prima della pubblicazione dell’a Libro bianco sul gioco d’azzardo definire nuove riforme per le operazioni di scommesse e giochi.

I controlli sull’accessibilità allontanano gli scommettitori:

Lo studio ha così rivelato che in giro 280.000 persone parteciperà a Cheltenham per generare in giro 274 milioni di sterline per l’economia locale su una stima Manico da 1 miliardo di sterline nei quattro giorni dell’evento. Ma gli scommettitori e i bookmaker temono che i “controlli di convenienza” – che richiedono agli scommettitori di dimostrare di avere risorse sufficienti per piazzare una scommessa – possano allontanare gli scommettitori dagli operatori autorizzati a quelli non regolamentati.

Il CEO di BGC, Michael Dugher, ha dichiarato: “Questa ricerca è l’ultima di una serie che delinea le reali preoccupazioni di milioni di scommettitori ordinari che ritengono che le persone che prendono decisioni sul futuro delle scommesse siano fuori dal mondo e non abbiano mai scommesso in vita loro. Vogliamo vedere controlli genuinamente non intrusivi, che utilizzino la tecnologia per mirare e proteggere attentamente la piccola minoranza di scommettitori vulnerabili, ma i cosiddetti controlli di “accessibilità” invadenti, generici e di basso livello saranno universalmente respinti dagli scommettitori”.

L’approccio intrusivo spinge gli scommettitori al mercato nero:

Dugher ha anche detto: “Qualsiasi approccio invadente e generalizzato rischia di avere l’effetto opposto spingendoli nel mercato nero non sicuro e non regolamentato che non offre strumenti di gioco più sicuri come time out e limiti di deposito, non supporta l’economia o lo sport e non paga un centesimo in imposta. I ministri dovrebbero ascoltare i milioni di scommettitori che si godono Cheltenham piuttosto che assecondare una minoranza ingenua e snob di proibizionisti anti-gioco d’azzardo”.

Hobby popolare:

Le scommesse sono molto popolari nel UK con circa 22,5 milioni di adulti che piazzano una scommessa ogni mese. Le cifre del gioco d’azzardo problematico sono basse, con Commissione per il gioco d’azzardo riportando questi livelli a un minimo dello 0,2%. I mercati regolamentati delle scommesse e dei giochi si sono generati in giro 110.000 posti di lavoro nel paese, così come a £ 7,1 miliardi nel fatturato e £ 4,2 miliardi di entrate fiscali.

Il numero di utenti del mercato nero è aumentato:

Tuttavia, gli studi dimostrano che il numero di utenti di bookmaker non regolamentati è aumentato da 210.000 a 460.000 negli ultimi anni, portando il mercato nero a miliardi di sterline. Eventi individuali, come quello dell’anno scorso Coppa del Mondo, hanno visto triplicare le cifre a vantaggio del mercato nero. Anche, Rapporti BGC i risultati di un sondaggio che indica che in giro 15 percento degli scommettitori ha utilizzato i servizi di bookmaker non regolamentati.

In attesa di riforme sul gioco d’azzardo:

Tali casi individuali possono essere utilizzati per trarre conclusioni generali sul fatto che le restrizioni sulle scommesse possono indirizzare circa il 15% degli scommettitori verso bookmaker senza licenza e di conseguenza ridurre le entrate lorde generate dal settore e le entrate fiscali del paese. Il fatto che quasi l’80% degli scommettitori preferirebbe evitare i limiti di spesa obbligatori imposti dai bookmaker autorizzati è un chiaro messaggio che il governo dovrebbe bilanciare di conseguenza le riforme del gioco d’azzardo annunciate.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit