Point’sBet vende le sue operazioni negli Stati Uniti per 150 milioni di dollari

Point'sBet vende le sue operazioni negli Stati Uniti per 150 milioni di dollari

Point’sBet, uno dei leader degli operatori di scommesse sportive con sede in Australia, ha accettato di vendere le sue operazioni in 15 stati degli Stati Uniti alla società globale di scommesse sportive Fanatics per $ 225 milioni (circa $ 150 milioni USA). Come riporta l’Australian Financial Review, l’accordo che prevede l’approvazione da parte degli azionisti e delle normative arriva dopo il fallimento di Poin’tBet nel raggiungere la quota di mercato target nelle giurisdizioni statunitensi, indipendentemente dalle campagne e attività promozionali complete.

Forte concorrenza:

La società quotata in ASX ha convenuto di non poter più competere sul mercato. PuntiScommessa Secondo quanto riferito, l’amministratore delegato Sam Swanell ha detto:“Hai avuto una situazione [in 2018] dove praticamente tutte le società di scommesse online del mondo hanno preso di mira quel mercato. È costoso, il costo di fare affari lì perché è un mercato stato per stato. Hai bisogno di scala.

La decisione fa seguito a una serie di partnership nel mercato nordamericano che si sono recentemente instaurate terminatocome quelli con il fornitore di quote NBC Sports e l’Università del Colorado che testimoniano sul le difficoltà l’azienda ha sperimentato durante la sua espansione in Nord America. Secondo la fonte, la società di scommesse è stata classificata come la settimo più grande scommesse sportive negli Stati Uniti.

Conservazione del capitale:

Fanatici, Secondo quanto riferito, un gigante commerciale, commerciale e sportivo con sede in Florida da $ 46,5 miliardi è stato scelto come acquirente perché offriva una struttura di transazione favorevole, ha detto Swanell al Revisione finanziaria australiana e ha aggiunto che si prevede che Point’sBet perderà fino a $ 123 milioni fino alla fine di quest’anno. L’azienda consigliata da Moelis & Co e Flagstaff Partners avrà le perdite ridotte a $ 21 milioni dal completamento della transazione.

“Quando pensi all’affare, devi pensarci in termini di prezzo principale, ma anche del fatto che stiamo preservando il capitale che abbiamo in bilancio”, Secondo quanto riferito, Swanell ha detto. “Praticamente, Fanatics rileva l’investimento nel business statunitense, a parte $ 21 milioni, che abbiamo concordato di coprire come parte delle altalene e delle rotatorie”.

Restituzione di contanti agli azionisti:

L’accordo di vendita include alcuni accordi redditizi che sono stati il ​​risultato del totale di circa $ 240 milioni Point’sBet investimenti in promozione e marketing. Poiché la costosa escursione è ormai finita, Secondo quanto riferito, Swanell ha detto: “La liquidità che abbiamo in bilancio, l’eccedenza di liquidità aziendale in eccesso, oltre ovviamente ai proventi della transazione… l’obiettivo è distribuirla agli azionisti”.

Linea di fondo:

L’operatore si concentrerà sulle sue attività australiane e canadesi e le fonderà nell’entità PuntiBet’s RemainCo che, secondo Swanelll, sarà “in pareggio” su base EBIDTA entro 12 mesi dalla cessazione dell’attività negli Stati Uniti. “Il mercato è in qualche modo stagnante in Australia perché ci sono stati alcuni venti contrari, ma stiamo chiaramente aumentando la nostra quota di mercato”, Secondo quanto riferito, Swanell ha detto. “Pensiamo di poter puntare i piedi e andare avanti”.

Come riporta la fonte, le operazioni australiane di Point’sBet sono in vendita da più di un anno. La società ha rifiutato un’offerta da $ 220 milioni da Betr lo scorso giugno, alla ricerca di un’opportunità più favorevole. Secondo quanto riferito, Swanell ha detto: “Penso che la linea di fondo sia sempre ciò che crea il massimo valore per i nostri azionisti”.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0