UKGC riesamina la licenza di 888 Holdings per operare nel Regno Unito

UKGC riesamina la licenza di 888 Holdings per operare nel Regno Unito

Venerdì 14 luglio, la UK Gambling Commission (UKGC) ha rivelato che sta attualmente rivedendo la licenza operativa del Regno Unito del casinò online globale, operatore di scommesse sportive e proprietario di William Hill 888 Holdings, che è collegata alla partecipazione del 6,6% in 888 acquisita da FS Gaming Investment , un gruppo di investimento che secondo quanto riferito include precedenti dirigenti di GVC, ora noto come Entain.

Inoltre, a seguito della divulgazione, il valore di 888 azioni è diminuito del 26%.

Considerazione sulla licenza:

In una dichiarazione, pubblicata da 888 venerdì 14 luglio, l’UKGC ha spiegato il motivo della revisione, affermando: “La revisione era dovuta all’investimento di FS Gaming e alla sua proposta di scuotere la gestione di 888 con un nuovo presidente, amministratore delegato e capo dell’ufficio finanziario.” Inoltre, la società ha dichiarato: “Avevamo interrotto i colloqui con il potenziale trio dirigenziale alla luce delle domande dell’autorità di regolamentazione del settore sui loro precedenti ruoli presso la società di gioco d’azzardo rivale Entain, che è oggetto di un’indagine di HM Revenue and Customs su presunti reati compresa la corruzione”.

Tuttavia, la dichiarazione continua il periodo di turbolenze iniziato a gennaio, quando 888 ha estromesso l’amministratore delegato di lunga data Itai Pazner nel corso di un’indagine interna sul mancato rispetto delle procedure antiriciclaggio. Da allora, la società ha cercato un nuovo management e sembrava che la società avesse avuto fortuna con FS Gaming, poiché FS Gaming ha acquistato il 6,6% di 888 a giugno e ha proposto di nominare Lee Feldman come presidente e Kenny Alexander come CEO, ancora una volta. i loro ruoli precedenti in Entain, con il precedente direttore indipendente senior di Entain Stephen Morana come capo delle finanze. Tutto ciò ha portato UKGC a interessarsi.

Accordo penale differito:

Il regolatore ha evidenziato “l’ammissione di Entain di essere in trattative con la Procura della Corona su un accordo di differimento dell’azione penale, relativo a presunti reati inclusa la corruzione nelle sue operazioni turche, durante il periodo in cui Alexander, Feldman e Morana erano in azienda”. Allo stesso modo, Entain ha affermato a maggio che “era probabile che incorresse in una sostanziale sanzione finanziaria a seguito dell’indagine, che coinvolge anche l’HMRC”.

Inoltre, Alexander, uno degli ex amministratori delegati, è stato anche punito con 1.000 dollari nel 2021 per aver preso il furgone di un autista da asporto parcheggiato davanti a un negozio di kebab durante una serata fuori. Ma si pensa che questo non sia stato preso in considerazione nel coinvolgimento del cane da guardia sopra menzionato. In quella nota, 888 ha dichiarato: “La Gambling Commission aveva chiesto di essere tenuta informata delle discussioni con gli uomini”.

Avviso UKGC a 888 Holdings:

La lettera del watchdog a 888 mostra che “successivamente ha avvertito la società che la sua licenza potrebbe essere a rischio se la proposta di FS Gaming andasse avanti”. Inoltre, l’autorità di regolamentazione ha dichiarato: “Volevamo sapere se qualcuno del trio fosse sospettato nell’indagine dell’HMRC, fosse stato interrogato con cautela o fosse sospettato in qualsiasi altra indagine”. A questo proposito, 888 Holdings ha aggiunto di aver “chiesto a FS Gaming qualsiasi informazione che potesse aiutare a dissipare le preoccupazioni del regolatore, ma che le assicurazioni più basilari che affrontassero queste preoccupazioni non erano disponibili. La Commissione sul gioco d’azzardo aveva consigliato che chiunque cercasse una posizione di leadership avrebbe richiesto una licenza personale e che l’autorità di regolamentazione avrebbe considerato l’esistenza di un’indagine penale in corso. Ha fortemente raccomandato che il consiglio, così come tutti gli azionisti, prendano in seria considerazione i suddetti fattori prima di agire”. Tuttavia, non vi è alcun suggerimento di trasgressione da parte di nessuno dei tre uomini.

Piena collaborazione:

Parlando della cooperazione con l’intervento del regolatore, Jon Mendelsohn, collega laburista e presidente esecutivo di 888, ha dichiarato: “Collaboreremo pienamente con il […] revisione, derivante da potenziali problemi relativi all’investimento e alla proposta di FS Gaming, e attendo con impazienza di portare la revisione a conclusione rapidamente. Come consiglio abbiamo dedicato molto tempo a considerare la proposta di FS Gaming. Tuttavia, a seguito di un’approfondita due diligence normativa, incluso uno stretto contatto con il GBGC [Gambling Commission], il consiglio non aveva altra scelta che interrompere le discussioni in quanto semplicemente non poteva mettere a rischio significativo le licenze nel nostro più grande mercato. Sebbene questo impegno abbia temporaneamente interrotto il processo di ricerca molto approfondito per nominare un nuovo amministratore delegato, il consiglio sta finalizzando la sua nomina e prevede di fare un annuncio nel prossimo futuro.

Commentando i colloqui ormai terminati con 888, un portavoce di FS Gaming ha dichiarato: “Siamo rimasti completamente sorpresi dalla dichiarazione di 888 e perplessi dal modo in cui la società ha orchestrato questo dato che rimaniamo azionisti pubblici relativamente piccoli senza accesso a informazioni non pubbliche e eravamo impegnati in un dialogo sulla migliore strategia per massimizzare il valore di questi asset di livello mondiale. Continueremo questi sforzi”.

Regole UKGC:

Il regolatore avrebbe iniziato a indagare su FS Gaming dopo che le notizie hanno accennato alla possibilità che stesse lavorando con HG Vora, un altro azionista con oltre il 10% in 888. E secondo le sue regole “l’emergere di un partito con un 10 combinato % costituisce un cambio di controllo presso un operatore di gioco d’azzardo autorizzato, che richiede una revisione della licenza. Inoltre, la licenza 888 verrebbe automaticamente annullata se il cambio di controllo non fosse convalidato.

A tal proposito, la Gambling Commission ha affermato: “Non parliamo di singoli operatori. In generale, se un operatore richiede informazioni sulle normative esistenti, le forniremo come parte del nostro impegno per rendere il gioco d’azzardo equo, sicuro e privo di criminalità”.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

100
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis