Una tribù rivendica la violazione dell’accordo da parte del governo dell’Ontario

Una tribù rivendica la violazione dell'accordo da parte del governo dell'Ontario

Il Great Canadian Casino Resort Toronto ha fatto la sua tanto attesa apertura il 20 giugno 2023. Ma una comunità della First Nation dell’Ontario sostiene che il casinò resort più nuovo ed esteso del Canada e uno dei più grandi del Nord America è un’altra mossa per chiudere le operazioni di casinò tribali e quindi minacciano l’esistenza della comunità indigena in Ontario, secondo CTV News.

“Mano scorretta”:

UN Comunità della Prima Nazione riferito, ha detto che il governo guidato da Il primo ministro Doug Ford “ha trattato una mano ingiusta” dopo l’ultimo varo dei 33 acri Great Canadian Casino Resort Torontosituato vicino all’incrocio tra l’autostrada 401 e l’autostrada 427. Il casinò è stato temporaneamente integrato nell’esistente Ippodromo di Woodbine per dare il calcio d’inizio 20 giugno 2023 COME uno dei più grandi sviluppi privati ​​nel paese.

Il più grande casinò resort in Canada:

Come riporta CTV National News, Chuck Keeling, vicepresidente della Great Canadian Entertainment (GCE), ha confermato che il resort sarà la più grande struttura di casinò in Canada. Secondo quanto riferito, il piano di gioco del resort presenta 145 giochi da tavolo, 4.800 slot machine, mentre i servizi includono 10 ristoranti, con un hotel e una sala concerti da aggiungere presto.

COME i Mississaugas di Scugog Island First Nation (MSIFN) possiede il Casinò Great Blue Heron a nord di Toronto, Capo Kelly La Rocca secondo quanto riferito ha affermato che il governo dell’Ontario si è rotto i termini dell’accordo siglato nel 2016, con la proliferazione di casinò resort in tutta la provincia influenzando le operazioni di Casinò Great Blue Heron e di conseguenza l’esistenza degli indigeni a seconda delle entrate del casinò. Secondo quanto riferito, i mega casinò sono indicati da LaRocca come “la minaccia esistenziale”.

Fattibilità dell’affare del casinò 2016:

Parlando alla fonte, La Rocca ha detto che il casinò rappresenta “la base economica e la linfa vitale di [the First Nation’s] Comunità. Ci ha portato acqua potabile pulita, migliori servizi sanitari e istruzione”. Poiché la tribù possiede il casinò, Ottimo intrattenimento canadese e il Ontario Lottery and Gaming Corp. (OLG) sono incaricati del funzionamento del casinò, sotto l’accordo del 2016 della First Nation con il governo.

Nel 2016 tegli Mississaugas di Scugog Island First Nation secondo quanto riferito, ha firmato l’accordo di compartecipazione alle entrate del casinò con il governo dell’Ontario. Secondo CTV News, l’accordo recita: “La Provincia e la Prima Nazione intendono che il Great Blue Heron continui a operare e ad essere commercialmente redditizio”.

Come lo sono stati altri tre casinò aperto e operato da GCE e OLG in Ontario da quel momento, l’ultima apertura di mega casinò incitata Capo dei Mississauga dell’isola di Scugog per rivendicare la violazione dell’accordo da parte del governo dell’Ontario. Secondo quanto riferito, LaRocca ha dichiarato: “Il governo Ford ha infranto la parola data alla nostra comunità. Sta danneggiando molti indigeni e dovremo affrontare il problema e combattere la cannibalizzazione del gioco”.

GCE e OLG negano le accuse di violazione:

D’altra parte, Vicepresidente del GCE Keeling secondo come riferito non era d’accordo con il capo. “Capiamo e rispettiamo assolutamente la posizione del capo su questo. Tutto quello che possiamo dire è che stiamo cercando di dimostrare il nostro impegno nei confronti di quella proprietà investendo decine di milioni di dollari”, avrebbe detto alla fonte. OLG contemporaneamente notato che la società è riferito impegnato con “discussioni in corso tra OLG e i suoi partner, comprese le comunità ospitanti indigene esistenti” per quanto riguarda lo sviluppo di il Great Canadian Casino Resort è preoccupato.

Campo di gioco irregolare:

Secondo la fonte, La Rocca ritiene che l’ultima apertura del casinò faccia un campo di gioco irregolare. Ha aggiunto che la sua First Nation è Affare con il governo Ford riferito incluso quello “Il Great Blue Heron sarebbe protetto e avrebbe un’area protetta intorno a sé, dove nessun nuovo gioco potrebbe proliferare e quella promessa è stata infranta con l’apertura del casinò a Pickering”.

Tribù in cerca di discussioni con il governo:

Lo ha riferito il ministero delle Finanze dell’Ontario “La Provincia non ha un accordo per non aprire più nuovi casinò terrestri. Ha un accordo di compartecipazione alle entrate con MSIFN in relazione al Great Blue Heron Casino. Secondo CTV New, il Mississaugas della prima nazione dell’isola di Scugog sono attualmente alla ricerca di discussioni con il Provincia dell’Ontario e, secondo quanto riferito, sono pronti a procedere con azioni legali se non si raggiunge un accordo.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit

CONFRONTO BONUS

Giri Gratis
100
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Giri Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0
Bonus Gratis
0